Scegliere un CMS amico dei motori

Quando progettiamo un nuovo sito – come mi sono trovato a fare con questo blog – dobbiamo decidere quale CMS utilizzare. Da questa scelta deriverà la struttura del nostro futuro sito e quindi anche la possibilità di ottimizzarlo ed indicizzarlo nel modo migliore.

Cosa è il CMS

Il CMS è la piattaforma di software attraverso la quale gestiremo i contenuti delle nostre pagine web. La struttura stessa del sito dipenderà dal CMS, che ne creerà ed organizzerà le pagine, imposterà i menù. Naturalmente non tutti i siti hanno bisogno di un CMS: siti semplici, che vengono aggiornati solo occasionalmente, possono fare a meno di una piattaforma di gestione dei contenuti ed essere fondamentalmente statici. Ma siti più complessi o con funzioni dinamiche quali l’ e-commerce, devono poter contare su di una interfaccia che renda facile e veloce, anche per l’utente non tecnico, l’aggiornamento e la pubblicazione dei contenuti e consenta l’implementazione di funzionalità avanzate.

Tipologie di CMS

Esistono tantissime piattaforme CMS, molte delle quali gratuite ed opensource e sviluppate da comunità molto attive che li migliorano continuamente. Altri CMS possono essere a pagamento ed altri ancora sviluppati su misura o adattati su esigenze specifiche. Per avere un’idea di quanti CMS vi siano si può dare un’occhiata all’elenco presentato su http://www.cmsmatrix.org/. Su http://www.opensourcecms.com/ è possibile invece provare una demo di molti dei CMS più gettonati senza la necessità di installarli prima sul proprio server.

Scegliere il CMS giusto anche per i motori

Quando si tratta di scegliere a quale CMS affidarsi dobbiamo fare la scelta per noi migliore per la gestione del nostro futuro sito ma anche assicurarci che il CMS abbia i requisiti per il SEO. E’ ad esempio importantissimo verificare la struttura delle URL prodotte che dovrebbero essere staticizzate del tipo “/cms-per-i-motori-di-ricerca.html” piuttosto che “/cms/page.php?id=34&lang=ita”. E’ poi fondamentale che l’html della pagine costruite dal CMS sia “pulito”, con meno codice possibile rispetto ai contenuti testuali e possibilmente validato secondo le regole del W3C (il che dipende naturalmente anche dai template che utilizzeremo). Vi sono una lunga serie di elementi da cui difficilmente possiamo prescindere per poter poi ottimizzare il sito, ad esempio la possibilità di inserire per ogni pagina un title e dei metatag personalizzati per ogni pagina e per ogni lingua.
Molti dei CMS più diffusi (almeno tutti quelli con cui mi è capitato di lavorare) al giorno d’oggi sono ormai predisposti per il SEO, anche se normalmente è necessario installare apposite estensioni (plug-in). I CMS più popolari sono utilizzati da migliaia di utenti, la maggior parte dei quali ha l’esigenza di posizionare il proprio sito sui motori di ricerca. Questo fa sì che tali piattaforme siano già predisposte per l’implementazione di tutti quegli accorgimenti che faranno dare al nostro sito il meglio di sè sui motori.
Consiglio però vivamente di coinvolgere il proprio SEO di fiducia nella scelta del CMS da utilizzare in modo che possa indicare tutti quei requisiti necessari alla successiva ottimizzazione ed indicizzazione, e per non scoprire troppo tardi che il CMS scelto non può accontentare tali richieste. Il consiglio è valido a maggior ragione se abbiamo l’esigenza di far sviluppare un CMS personalizzato, che non gode quindi di una ampia comunità di utenti e sviluppatori.

Quale CMS utilizzare per il mio Blog

Tutto questo per sottolineare quanto sia importante scegliere il proprio CMS in modo consapevole e quanto questo avrà un impatto anche sulla futura visibilità su Google & C. In realtà scegliere la piattaforma per il proprio blog è molto semplice: vi sono alcuni CMS gettonatissimi che hanno un ampio seguito e per i quali sono state sviluppati numerose estensioni che consentono di ottimizzarli per i motori di ricerca. Ad esempio abbiamo WordPress che è ottimo per i blog, Movable Type Joomla (più adatto a siti che non siano solo blog), oppure Blogger la piattaforma per blog di Google.
Io ho optato per WordPress. Lo conosco meglio degli altri (sicuramente altrettanto validi) e so che ha degli ottimi plug-in che mi consentono di fare (quasi) tutto quello che vorrei per ottimizzare il blog e consente di avere una struttura delle url delle pagine che è (quasi) ideale :-)

cms